Accesso agli atti di Poste Italiane S.p.A.

Cons. Stato, Ad. Plen, 28 giugno 2016, n. 13

Il diritto di accesso esercitato dai dipendenti di Poste Italiane S.p.a. deve essere circoscritto ai settori di autonoma rilevanza pubblicistica (e non di quotidiana gestione del contratto di lavoro), ovvero alle prove selettive per l’assunzione del personale, alle progressioni di carriera e a provvedimenti attinenti l’auto-organizzazione degli uffici, quando gli stessi – benché doverosamente ispirati a tutti i principi, di cui all’art. 24, D.Lgs. n. 150 del 2009 – incidano negativamente sugli interessi dei lavoratori, protetti anche in ambito comunitario (ad esempio, in tema di mobilità o di stabilizzazione dei rapporti di lavoro precari).

 
 
 
Per leggere l'articolo occorre essere un utente registrato.
Prova a effettuare il login oppure registrati
Tag: P.A.actio ad exibendumdiritto di accessogestori pubblici serviziinteresse all’accessointeresse giuridicamente rilevantelegittimazione attivalegittimazione passivasoggetti privati
Dike Giuridica Editrice s.r.l. - P.I.: 09247421002
Via Raffaele Paolucci, 59 - 00152 ROMA
Copyright 2012 - 2018