Diritto di accesso agli atti ispettivi e tutela della riservatezza del lavoratore

Cons. Stato, Sez. VI, 6 maggio 2016, n. 1835

È illegittimo il rigetto di un’istanza avanzata da una società, tendente ad accedere ai verbali ispettivi della Direzione Territoriale del Lavoro, motivato con riferimento alla necessità di tutelare il diritto alla riservatezza dei lavoratori che hanno reso dichiarazioni, nel caso in cui, tra i lavoratori che hanno reso le dichiarazioni raccolte in sede ispettiva e la società accedente, non sia più in atto, da tempo (nella specie da più di tre anni), alcun rapporto di lavoro. In tal caso, infatti, non esistendo più un rapporto di lavoro in atto e considerato anche che le dichiarazioni controverse sono risalenti a più di tre anni prima, non risulta giustificato invocare la prevalenza delle esigenze di riservatezza del lavoratore rispetto al diritto di difesa di chi ha presentato la domanda ostensiva.

 
 
 
Per leggere l'articolo occorre essere un utente registrato.
Prova a effettuare il login oppure registrati
Tag: atto amministrativodatore di lavorodiniegodiritto alla riservatezzadiritto di accessodiritto di difesaillegittimitàlavoratoreverbali ispettivi
Dike Giuridica Editrice s.r.l. - P.I.: 09247421002
Via Raffaele Paolucci, 59 - 00152 ROMA
Copyright 2012 - 2018