Termine di conclusione del procedimento amministrativo e danno da ritardo

T.A.R. Basilicata, Potenza, Sez. I, 16 gennaio 2016, n. 6

La previsione del termine massimo per la conclusione del procedimento amministrativo non consuma il potere amministrativo dell’Amministrazione di adottare il provvedimento finale, mentre la violazione di tale termine può essere denunciata dai soggetti che hanno attivato il procedimento, con l’azione avverso il silenzio oppure con la domanda di risarcimento dei danni, derivanti dall’inerzia dell’attività amministrativa

 
 
 
Per leggere l'articolo occorre essere un utente registrato.
Prova a effettuare il login oppure registrati
Tag: P.A.bene della vitadanno da ritardodanno ingiustoillegittimitàindennizzoinerziaprocedimento amministrativoprovvedimento amministrativo tardivotempotermine ordinatoriotermine perentorio
Dike Giuridica Editrice s.r.l. - P.I.: 09247421002
Via Raffaele Paolucci, 59 - 00152 ROMA
Copyright 2012 - 2018