Sulla nozione di pertinenza ai fini urbanistici

Cons. Stato Sez. VI, 4 gennaio 2016, n. 19

Non può considerarsi una pertinenza a fini urbanistici un manufatto, avente una superficie non irrilevante, con copertura in lamiera e struttura in paletti metallici, imbullonato alla recinzione di un'area privata e dunque tutt'altro che agevolmente rimovibile, destinato, sotto l'aspetto funzionale, a soddisfare esigenze prolungate nel tempo e in ogni caso tutt'altro che temporanee, con la conseguenza che, per la realizzazione di opere come il manufatto medesimo, occorre conseguire il permesso di costruire.

La nozione di pertinenza urbanistica ha peculiarità sue proprie, che la differenziano da quella civilistica dal momento che il manufatto deve essere non solo preordinato ad una oggettiva esigenza dell'edificio principale e funzionalmente inserito al suo servizio, ma deve essere anche sfornito di autonomo valore di mercato e dotato comunque di un volume modesto rispetto all'edificio principale, in modo da evitare il c.d. carico urbanistico.

 I beni che nel diritto civile assumono senz'altro natura pertinenziale non sono tali ai fini dell'applicazione delle regole che governano l'attività edilizia, ogniqualvolta assumono autonomia rispetto ad altra costruzione, con conseguente loro assoggettamento al regime concessorio. Ne discende, dunque, che in materia edilizia sono qualificabili come pertinenze solo le opere che siano prive di autonoma destinazione e che esauriscano la loro destinazione d'uso nel rapporto funzionale con l'edificio principale, così da non incidere sul carico urbanistico.

 

 

 

Per leggere l'articolo occorre essere un utente registrato.
Prova a effettuare il login oppure registrati
Tag: accessorietà della pertinenzacarico urbanisticopertinenza urbanistica
Dike Giuridica Editrice s.r.l. - P.I.: 09247421002
Via Raffaele Paolucci, 59 - 00152 ROMA
Copyright 2012 - 2018