Impianti eolici: il consiglio di stato ritorna sulle modalità di calcolo della potenza elettrica nominale per la valutazione istruttoria delle iniziative edificatorie

Consiglio di Stato Sez IV sentenza n.5789 del 21.12.2015

Secondo il consolidato insegnamento della giurisprudenza del Consiglio di Stato, ai fini del calcolo della potenza elettrica nominale per la valutazione istruttoria delle iniziative edificatorie, i limiti di capacità di generazione e di potenza sono da intendersi riferiti alla somma delle potenze nominali dei singoli impianti di produzione facenti capo al medesimo punto di connessione alla rete elettrica, appartenenti allo stesso soggetto, ovvero a soggetti che si trovino in posizione di controllante o controllato, ovvero che siano riconducibili ad unico centro di interesse.

Tali presupposti hanno l'evidente finalità di contemperare i contrapposti interessi, pubblici e privati, in gioco e di evitare che iniziative di dimensioni apparentemente limitate possano, in realtà, dar vita a progetti significativamente impattanti sul corretto assetto urbanistico del territorio (e sui relativi interessi paesaggistico, ambientale, storico, etc.).

 

 

 

Per leggere l'articolo occorre essere un utente registrato.
Prova a effettuare il login oppure registrati
Tag: calcolo della potenza elettrica nominale per la valutazione istruttoria delle iniziative edificatoriecontemperamento di contrapposti interessilimiti di capacità di generazione e di potenza
Dike Giuridica Editrice s.r.l. - P.I.: 09247421002
Via Raffaele Paolucci, 59 - 00152 ROMA
Copyright 2012 - 2018