Riparto di giurisdizione in tema di diritto d’asilo ex d.lgs. n. 286/1998

Consiglio di Stato, sez. III, decisione 3 agosto 2015, n. 3825

Il provvedimento che dispone il trasferimento dello straniero richiedente asilo, adottato dopo l'interpello dello Stato italiano a quello estero, che ha risposto positivamente (c.d. ripresa in carico) ha carattere discrezionale e la scelta se esaminare la domanda d'asilo in Italia o rimandare il ricorrente nel Paese estero dev'essere effettuata entro il termine perentorio di tre mesi dalla domanda d'asilo, cosicché deve ritenersi sussistere la giurisdizione del giudice amministrativo. Si ritiene, pertanto, ai sensi dell’art. 105, comma 1, cod. proc. amm. che la causa vada rimessa al primo giudice per la trattazione e che, ai sensi del comma 3 del citato art. 105, le parti devono riassumere il processo con ricorso notificato nel termine perentorio di novanta giorni dalla notificazione o dalla comunicazione della sentenza (Consiglio di Stato, sez. III, decisione 3 agosto 2015, n. 3825)

 

 

Per leggere l'articolo occorre essere un utente registrato.
Prova a effettuare il login oppure registrati
Tag: D.lgs. 286/1998diritto d'asilopermesso di soggiornoriparto di giurisdizione
Dike Giuridica Editrice s.r.l. - P.I.: 09247421002
Via Raffaele Paolucci, 59 - 00152 ROMA
Copyright 2012 - 2018