I principi dell’evidenza pubblica e le concessioni di servizi: il Consiglio di Stato sull’immodificabilità dei criteri di valutazione in corso di gara

Consiglio di Stato, Sez. VI, 4 giugno 2015, n. 2755

 

Consiglio di Stato, Sez. VI, 4 giugno 2015, n. 2755

Presidente Baccarini; Estensore Meschino

 

La regola della non modificabilità in corso di gara dei criteri di valutazione predeterminati dalla lex specialis è valida in via generale anche per le procedure di affidamento delle concessioni di servizi, tanto più quando siano già state aperte le buste delle offerte, in quanto applicazione diretta dei fondamentali principi di parità di trattamento dei concorrenti e di effettività del loro confronto competitivo, che sono osservati se il confronto è eseguito per tutti i concorrenti secondo i parametri certi e comuni sulla cui base ciascuno di essi ha definito l’offerta.

Per leggere l'articolo occorre essere un utente registrato.
Prova a effettuare il login oppure registrati
Tag: Concessioni di serviziasssimilazionecriteri di valuazioneimmodificabilitàprincipi della normativa appalti
Dike Giuridica Editrice s.r.l. - P.I.: 09247421002
Via Raffaele Paolucci, 59 - 00152 ROMA
Copyright 2012 - 2018