L'incandidabilità degli amministratori locali

Cass. civ., sez. un., 30 gennaio 2015, n. 1747

Nel giudizio volto alla declaratoria di incandidabilità degli amministratori responsabili delle condotte che hanno dato causa allo scioglimento del Consiglio Comunale ex art. 143, comma 11 del D.lgs. 18 agosto 2000, n. 267, può essere dichiarata la incandidabilità del sindaco di un Comune la cui amministrazione è stata sciolta per infiltrazioni criminali, ancorché lo stesso sia stato assolto dal reato di concorso esterno in associazione.

 

 

 

Per leggere l'articolo occorre essere un utente registrato.
Prova a effettuare il login oppure registrati
Tag: Comuni e ProvinceConsiglio comunale e provincialeScioglimentoart. 143 T.U.E.L.condanna penaleincandidabilità
Dike Giuridica Editrice s.r.l. - P.I.: 09247421002
Via Raffaele Paolucci, 59 - 00152 ROMA
Copyright 2012 - 2018